ACCEDI lucchetto rosso

Il giorno 7 febbraio si è svolto presso Unindustria Roma, l’incontro richiesto da Slc-Fistel –Uilcom, le Rsu, e Accenture Hrs, con all’ordine del giorno, la situazione aziendale, avendo avuto come sindacato, la notizia della disdetta da parte di Tim del contratto di appalto.
L’azienda ha confermato, che a fine dicembre, Tim ha inviato ad Accenture Hrs formale disdetta dell’appalto, avvalendosi della clausola rescissoria prevista dal contratto di servizio, la quale dà la possibilità di interrompere lo stesso in qualsiasi momento, mantenendo le attività per tutto il 2017 prima del rilascio definitivo delle stesse.
Accenture Hrs ha dichiarato, la propria sorpresa della decisione presa da Tim, considerando che l’appalto prevede la naturale scadenza nel 2022, e confermando che ad agosto le parti si erano accordate per un ulteriore sconto sul prezzo della commessa, il cliente Tim aveva anche affermato la piena soddisfazione per l’operato dei lavoratori di Accenture Hrs e per l’alta professionalità dimostrata nel tempo.
La disdetta ha un impatto su circa 140 lavoratori impiegati sulla commessa Tim, ad oggi l’azienda ha dichiarato di essere già impegnata a cercare di recuperare l’appalto, attivando incontri con Tim.
Le OO.SS. sono estremamente preoccupate della situazione aziendale, venutasi a creare con la disdetta della commessa da parte di Tim, facendo rilevare che solo pochi mesi fa, è stato sottoscritto un contratto di solidarietà, per mettere in sicurezza il perimetro occupazionale e che questa azione mette a rischio 140 posti di lavoro.
Accenture Hrs non può sottrarsi alle proprie responsabilità, prima quella di non aver incrementato e diversificato le commesse, creando così condizioni meno problematiche nel momento in cui viene a mancare un cliente importante come Tim che pesa a livello economico circa il 50% del bilancio.
La delegazione sindacale ha dichiarato che l’azienda deve cercare le soluzioni adeguate al mantenimento dell’occupazione, adoperandosi a recuperare attività, continuando nelle riqualificazioni del personale, così come previsto dall’ultimo accordo di solidarietà, ad oggi sono stati ricollocati 14 lavoratori in nuove attività, dei 25 previsti.
Concludendo il confronto le OO.SS. hanno incalzato l’azienda fissando un nuovo incontro per i primi giorni di marzo, pretendendo per quella data un sostanziale avanzamento della situazione con un monitoraggio continuo sulle azioni messe in campo dalla stessa per garantire il futuro occupazionale dei lavoratori di Accenture Hrs.

Le Segreterie Nazionali SLC-CGIL FISTel-CISL UILCOM-UIL

0
0
0
s2sdefault