ACCEDI lucchetto rosso

In data 12 ottobre si è tenuto a Roma l’incontro tra le segreterie nazionali SLC/CGIL, FISTEL/CISL, UILCOM/UIL e le RSU di Accenture HRS a seguito della procedura di licenziamento collettivo attivata il 6 ottobre.
L’incontro ha visto la firma da parte di tutte le RSU presenti della procedura che prevede l’uscita volontaria massima di 18 lavoratori.
Ciò consente di riprendere il confronto dopo la bocciatura, da parte delle assemblee dei lavoratori, che hanno sancito la nullità dell’accordo del 13 settembre.
SLC/CGIL, FISTEL/CISL, UILCOM/UIL e le loro RSU, nel rispettare sempre il volere dei lavoratori, continueranno a lottare per le giuste rivendicazioni come hanno fatto fin da quando TIM ha deciso di disdire la commessa, determinando oltre 140 esuberi e con serie minacce alla sopravvivenza stessa dell’Azienda.
Vogliamo anche stigmatizzare le tante inesattezze dette e strumentalizzazioni di altri sindacati che hanno ingenerato confusione e disinformazione fra i colleghi.
Continueremo la lotta, sia con TIM per avere una commessa sempre più solida e sicura, sia con Accenture HRS per gestire al meglio il futuro dell’azienda, con la volontà di gestire le commesse presenti, sulla base delle reali problematiche industriali ed economiche, disponibili a ricercare soluzioni che abbiamo come condizione imprescindibile la difesa occupazionale.
SEGRETERIA NAZIONALE SLC CGIL

0
0
0
s2sdefault